Creato da André Böröcz, diretto da Paul-Emmanuel Thomas, il Festival musicale di Mentone è uno dei più antichi e prestigiosi d’Europa.

Il festival accoglie da settant’anni i più grandi classici artisti nel mondo. Per una quindicina di giorni tra luglio e agosto, si susseguono concerti all’aperto davanti al porto sul sagrato della Basilica di San Michele Arcangelo.

Nell’agosto 1949, André Böröcz, artista ungherese che ha raggiunto Parigi dopo la guerra, fa una sosta a Mentone. Gironzolando nella città vecchia, rimane a bocca aperta davanti al sagrato della basilica di San Michele, stupefatto dalla vista panoramica sul Mediterraneo. Sopraffatto dall’emozione, le note della melodia della seconda partita per violino di Bach interpretate da Jasha Heifetz, provenienti da un apparecchio radio, raggiungono la sua attenzione. Il tempo si ferma allora. André Böröcz fa poi un sogno: rivivere questo momento magico e condividerlo. Così nacque il Festival musicale di Mentone.
Si tratta di un evento che, nel corso degli anni, ha saputo imporsi come uno degli eventi più importanti della regione sia per la qualità della programmazione proposta che per la sua cornice eccezionale.
Per una quindicina di giorni tra luglio e agosto, si susseguono concerti all’aperto davanti al porto sul sagrato della Basilica di San Michele Arcangelo. Una scena imponente per una programmazione musicale d’eccezione con la partecipazione di grandi interpreti e talenti lirici straordinari.
Da alcuni anni, il festival si distingue anche per la presenza di artisti meno noti ma comunque promettenti in occasione di incontri musicali al museo Jean Cocteau.
Un appuntamento imperdibile per gli amanti della musica!

×

Hello!

Click one of our contacts below to chat on WhatsApp

× Come possiamo aiutarti ?